Come far crescere i capelli più in fretta, più sani e più belli

Ci sono due principali ragioni perché leggiate questo articolo. La prima è da imputare alla scelta sbagliata al momento sbagliato: siete andate dal parrucchiere e gli avete concesso di rivoluzionare la vostra immagine, ovvero di rasarvi o giù di lì. Seconda, ma non meno rilevante motivazione individuale: detestate anche solo l’idea delle extension per quella sensazione di posticcio che vi suscitano le patite di questo escamotage.

Premesso che una crescita che sfidi la natura è irrealizzabile, esistono delle particolari attenzioni per aiutare la vostra capigliatura cresca più rapidamente rispetto al consueto centimetro, centimetro e mezzo che gli addetti ai lavori indicano nella media mensile. Pochi consigli e qualche dritta casalinga per avere capelli più lunghi e robusti, senza ricorrere a trattamenti specifici che vengono destinati a chi soffre di problemi seri e legati alla salute.

Per migliorare l’aspetto della vostra chioma, partite da una buona alimentazione che non agevola solo i vostri capelli nel processo di crescita, ma il vostro organismo a depurarsi e a mantenersi sano.

Passiamo poi alla cura dei capelli più nel dettaglio:
-scegliere uno shampoo in base al tipo di capello e alternatelo con uno delicato che non contengano sostanze come formaldeide, bandito per i suoi effetti nocivi, parabeni, mea-dea-tea e tensioattivi. Leggete sempre per intero l’etichetta;
– nutriteli con una maschera che contenga sostanze nutrienti;
– alimenti e integratori a base di calcio, ferro, magnesio o sali minerali, che nutrono i capelli dall’interno;
– massaggiare il cuio capelluto stimola la circolazione sanguigna e di conseguenza i bulbi piliferi;
– non aggredire i capelli con phon, piastre e trattamenti chimici, vanno preferite sempre le spazzole con le fibre naturali;
– il lievito di birra viene ritenuto un coadiuvante di grande presa: non è nocivo ed è economico;
– preferite a prodotti già ‘finiti‘ un sapone delicato a cui aggiungete argan, olio di oliva e cocco, mandorla dolce, semi d’uva, germe di grano: saranno più efficaci rispetto a quelli industriali.