Sesso, è vero che la pillola spegne il desiderio? Risponde l’esperto

  • Andrea Carubia
  • http://www.psicologo-psicoterapeuta-sessuologo.it
  • https://clitools.files.wordpress.com/2015/01/andrea-carubia.jpg
  • Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta
  • Da diversi anni si occupa di promozione del benessere psicologico e sessuale dell’individuo e della coppia allo scopo di migliorare, attraverso le più recenti e innovative tecniche terapeutiche, il rapporto con se stessi e con gli altri. Si occupa soprattutto di problematiche legate alla sfera sessuale e difficoltà relazionali e/o affettive.
  • Buonasera dottore, è vero che un uso prolungato della pillola può causare un calo del desiderio sessuale? Il problema si risolve sospendendola? E se sì per quanto tempo?
  • Rosy
  • Savona

Come tutti i farmaci, anche i contraccettivi ormonali possono provocare effetti collaterali che, in riferimento alla dimensione sessuale, possono presentarsi sotto forma di lubrificazione vaginale insufficiente (secchezza vaginale), dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia), difficoltà a raggiungere l’orgasmo ed infine calo del desiderio sessuale. Diverse ricerche suggeriscono che la maggior parte delle donne che utilizza quale metodo contraccettivo quello ormonale (comprese le pillole più recenti a basso dosaggio), pur avendo una buona intesa fisica ed affettiva con il proprio partner, presenta un calo del desiderio. Consideriamo che i ginecologi consigliano di assumere il contraccettivo ormonale con cicli di interruzione ogni 6 o 12 mesi, proprio per riattivare le ovaie ed evitare le sopracitate complicanze. La sospensione della pillola pur non equivalendo sempre alla piena riacquisizione del desiderio sessuale (ad esempio se il calo o la mancanza della libido è dovuto più a difficoltà relazionali ed affettive della coppia piuttosto che fisiologiche), può favorire il suo pieno ripristino con tempistiche soggettive e, di conseguenza, variabili.