Quando la chirurgia estetica stravolge l’aspetto: risponde Pietro Lorenzetti

  • Pietro Lorenzetti
  • http://www.pietrolorenzetti.it
  • https://clitools.files.wordpress.com/2014/12/esperto-pietro-lorenzetti.jpg
  • Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica
  • Vive e lavora a Roma ma riceve ed opera su tutto il territorio nazionale, esegue interventi di chirurgia del corpo, del seno, del viso, maschile e di medicina estetica. E’ socio della Società Italiana Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica e della International Society of Aesthetic Plastic Surgery. E’ membro corrispondente della Società Brasiliana di Chirurgia Plastica che vanta il maggior numero di iscritti al mondo.
  • Vedo in giro tanti “mostri”, soprattutto donne, e mi chiedo come facciano a piacersi. Secondo lei quando la chirurgia estetica diviene invasiva? Quando anziché migliorare l’aspetto lo stravolge? Le confesso che – visti certi risultati – sono profondamente indecisa se sottopormi o no a una blefaroplastica. Lei cosa consiglia alle sue pazienti, impone dei limiti alle loro richieste?
  • Lulu 65
  • Milano

Cara Lulu, vent’anni fa si diceva che il risultato di un intervento di chirurgia plastica doveva essere intuito e non troppo visibile, poi l’ingresso sul mercato di operatori non sempre adeguatamente preparati ha portato a risultati che devono essere considerati interventi mal consigliati e mal eseguiti. Fortunatamente il trend attuale è quello di ritocchi e interventi improntati alla naturalezza e ad accompagnare l’età in modo dolce e raffinato. Un intervento chirurgico ben fatto che valorizza e non penalizza è il risultato di un colloquio che trovi il perfetto accordo tra le richieste del paziente, le possibilità della tecnica chirurgica, il senso estetico del medico e la sua capacità di eseguire l’intervento (che aumenta con il numero di procedure eseguite). 

Per ciò che riguarda il suo desiderio di fare una blefaroplastica la posso rassicurare, è abbastanza difficile fare degli errori eclatanti che stravolgano l’aspetto e la mimica, l’unico errore potrebbe essere quello , nel caso di una palpebra pesante, di eliminare troppa pelle e quindi rendere innaturale il tutto. Rischio che può essere scongiurato con un accurata visita preoperatoria in cui potrà specificare al chirurgo quanta pelle eliminare e il suo desiderio di un risultato naturale. Che altresì potrebbe perfezionare con un mini lifting del sopracciglio per aprire lo sguardo e dargli una nuova luminosità.