Davide Oldani e il suo Menù per un Natale tutto POP

Davide Oldani –  ideatore della cucina POP – inizia il suo percorso come allievo di Gualtiero Marchesi, passando per Alain Ducasse e Fauchon.
Innovazione, tradizione e attenzione per le materie prime, anche umili, sono i cardini della sua cucina, realizzata con successo nel ristorante D’O a Cornaredo, alle porte di Milano: una stella Michelin, tempietti, forchette, medaglie e punteggi elevati. 

E’ uno degli Ambassador Chef di Expo Milano 2015, a cui è affidato il compito di diffondere i principi legati al tema dell’Esposizione Universale: Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita.

Lo chef Oldani ha dedicato alle lettrici di Dilei.it un Menù di Natale POP e noi, per l’occasione, gli abbiamo rivolto qualche domanda:

Il critico gastronomico Anton Ego quando assaggia la ratatouille – nell’omonimo film – ha una forte emozione che lo riporta indietro nel passato. Per lei Davide Oldani, il profumo e il sapore di quale ricetta hanno il potere di riportarla alla sua infanzia e al Natale?
Lo Zafferano, e sopratutto il risotto alla milanese che fa mia madre. E’ una ricetta di riso d’altri tempi con tanto soffritto di cipolla che non mangio mai se non in occasione del Natale, perché lei lo cucina per me. 

Lei è uno degli Ambassador dell’Expo 2015, come si sente in questo ruolo?
Molto bene, perché finalmente c’è un’occasione importante per i cuochi italiani che lavorano con prodotti italiani e hanno la possibilità di dire al mondo: noi ci siamo.
Inoltre mi fa piacere essere il portabandiera o, se preferite, ambasciatore di un progetto che ha come grande obiettivo il nutrimento del pianeta.

 

%d bloggers like this:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close