Un’altra Miss eliminata per foto sexy sul web: Raffaella Modugno

Altro colpo di scena fra le Miss aspiranti alla finale. Dopo Alice Bellotto, esclusa a causa di sue foto sexy apparse sul web, è la volta di Raffaella Modugno, Miss Curve d’Italia Elena Mirò Lazio 2011. Ancora una volta, come nel caso di Alice Bellotto, l’esclusione si rifà all’articolo 8 del regolamento del Concorso, secondo cui le concorrenti "non devono essere mai state ritratte in pose di nudo, o comunque sconvenienti".

L’ufficio legale di Miss Italia e la patron Patrizia Mirigliani, si legge in una nota, hanno deciso l’esclusione "dopo aver esaminato, in seguito a numerose segnalazioni, un album di fotografie in rete con pose di nudo e altre di seminudità a forte enfatizzazione dell’elemento provocante". La nota fa riferimento alle foto apparse in passato sul sito del fotografo Massimiliano Uccelletti e che la ritraggono in pose hot. Le foto sono state rimosse, ma ormaio il danno era fatto.  

23 anni, nata in provincia di Avellino e residente a Roma, Raffaella è alta 1 metro e 82, è diplomata e ha giocato a basket in serie B. Nella vita, fa la fotomodella e ama andare in palestra, fare shopping e uscire con gli amici. Ha anche recitato nel film Qualunquemente di Antonio Albanese. Per Miss Italia era stata selezionata per rappresentare il Lazio.

La Miss non sarà sostituita e intanto a Montecatini arrivano le ultime candidate fra cui saranno scelte le 39 finaliste che andranno così ad aggiungersi alle 21 ragazze già in finale.

Melanzane, fantasia viola in cucina

Le melanzane arrivano molto probabilmente dall’India e dalla Cina, ma erano coltivate in tutto l’estremo Oriente già in età preistorica. In Europa sono arrivate nel Medioevo, quasi certamente portate daglie gli arabi e si sono diffuse prima nel sud della Spagna in Andalusia e subito dopo sono approdate in Italia e portate in tavola con fantasia ed estro.

Eclettiche e saporite, amarognole e piccanti sono spesso molto amate o molto odiate, si possono conservate sott’olio e sott’aceto e per cucinarle non ci sono limiti:  ripiene, fritte, grigliate o impanate, lessate o stufate, da sole o con pasta e riso. Mescolate ad altre verdure o ai pesci e alle carni, cucinate a involtino o cotte alla parmigiana le melanzane sono una vera bontà. Qualcuno le prepara anche crude, ma in realtà danno il meglio soprattutto cotte,

Sono ricche di potassio e vitamina C e A, fosforo, calcio e contengono pochi zuccheri. La buccia poi contiene sostanze benefiche per il pancreas e il fegato. Prive di calorie, spesso vengono consigliate – cotte a vapore o grigliate – nelle diete dimagranti.

Vi proponiamo una ricetta classica: le Melanzane alla parmigiana
 
Ingredienti: 4 melanzane grandi; 1/2 litro di sugo di pomodoro; olio per friggere; 2 mozzarelle; 100 g di parmigiano grattugiato; sale e pepe

Preparazione: preparate il sugo di pomodoro e tenete da parte. Lavate le melanzane, tagliatele a fette per il lungo, stendetele su un vassoio, cospargetele di sale e fatele spurgare per mezz’ora. Trascorso questo tempo, sciacquate via l’acqua marrone che si è formata sulle melanzane, asciugatele bene e friggetele, poche per volta, in abbondante olio. Quando saranno diventate belle dorate, disponetele sulla carta assorbente in modo che rimangano ben asciutte. Adagiate poi uno strato di melanzane su una pirofila leggermente unta, coprite con un po’ del sugo di pomodoro, con le fette di mozzarella, il parmigiano e un pizzico di sale e pepe. Continuate così alternando gli strati fino ad esaurimento. Ricopritele con la carta alluminio, infornate a 180 gradi per circa mezz’ora togliendo la carta dopo 20 minuti.