Le nuove frontiere della musica in casa

Sicuramente le casse (o diffusori, speakers o sistemi di altoparlanti che dir si voglia), sono tra i componenti Hi-Fi di più difficile scelta ed hanno oggi il difficile compito di abbinarsi ad un arredo spesso minimale, dove possono vivere da protagoniste o passare del tutto inosservate. E’ imperativo però evitare qualsiasi banalità. Cercheremo intanto di capire alcuni concetti di base per la scelta dei vari prodotti disponibili. Le casse hanno il delicatissimo compito di trasformare il segnale elettrico che proviene dall’amplificatore in segnale acustico percepibile dal nostro orecchio. Quindi, come dicevamo, se le vostre casse necessitano di supporti (stands), acquistateli subito e sceglieteli in modo tale che posizionino il tweeter circa all’altezza delle vostre orecchie quando siete seduti in posizione d’ascolto. Inoltre le casse, di qualunque tipo esse siano, vanno obbligatoriamente posizionate lungo la stessa parete mentre il punto d’ascolto sarà nella parete opposta, in modo da formare un ideale triangolo con le due casse. Tutti i diffusori nell’attuale portafoglio di prodotti beneficeranno dall’aggiunta di un subwoofer BeoLab 2, sia in modalità stereo che mono e anche se non c’è bisogno di bassi particolarmente pronunciati, essi arricchiranno l’esperienza musicale e cinematografica. Le proprietà acustiche dell’ambiente d’ascolto svolgono un ruolo importante in termini di qualità audio dei diffusori high-end, così come il loro posizionamento in relazione alle pareti e all’arredamento. Nessuno tuttavia è disposto a modificare la disposizione delle pareti o dell’arredamento solo per ottenere le prestazioni ottimali dai propri diffusori. Per fortuna, la tecnologia digitale Adaptive Bass Control di Bang & Olufsen analizza l’acustica della stanza e adatta le prestazioni dei diffusori di conseguenza. Con BeoLab 5, basta premere un tasto su uno dei diffusori! Il processo richiede appena due minuti e può essere facilmente ripetuto, nel caso si spostino i diffusori o si installi un nuovo pavimento, in piena libertà. Le casse acustiche sono oggetti affascinanti per gli audiofili, ma spesso dalle forme alquanto monotone e ripetitive. Le "Cascade Speakers" fanno parte di questo processo evolutivo, messo in atto grazie anche all’estro, l’originalità e la capacità di LifeStyleDesign, laboratorio di design con cui la Infinity collabora. Le casse, grazie a pannelli piatti, sono in grado di restituire ottime prestazioni, il tutto con una profondità contenuta ed una forma longilinea molto piacevole, leggera e piuttosto originale. Un prodotto dall’aspetto molto intrigante, in grado di abbellire qualsiasi ambiente grazie al suo design ricercato e ben riuscito. I diffusori acustici della serie Arbour Utilizzano woofer con coni in polipropilene iniettato e tweeter con cupola in seta trattata; i crossover sono realizzati con componenti di pregio. Il complesso magnetico di tutti gli altoparlanti è schermato: possono pertanto essere posizionati in prossimità del televisore senza disturbare l’immagine o alterare i colori. Garantiscono la fedeltà, la dinamica e la tenuta in potenza richieste dalle sorgenti digitali per ricreare nel vostro ambiente d’ascolto gli effetti speciali di un film d’azione e le avvincenti emozioni di un concerto live. In questo nuovo set di diffusori satellite Pioneer ha optato per l’impiego di materiali naturali. I sistemi S-LF5-F (2 diffusori anteriori) e S-LF5-CR (1 diffusore centrale e 2 posteriori) sono costituiti al 100% da legno vegetale, con cabina e griglie in alluminio per un look moderno ed essenziale. I materiali naturali utilizzati (alluminio, zinco e legno) non sono soltanto belli esteticamente, ma anche funzionali al rinforzamento della cabina, che è così in grado di produrre un audio puro e preciso. Una copertura della griglia in panno all’interno di un setting più tradizionale la renderà più gradevole al tatto. Il panno della griglia è disponibile in 2 colorazioni (nero e bianco) incluse nella confezione. Design ultra piatto ideale per l’installazione a parete. Per completare questi diffusori satellite a 2 vie, un subwoofer attivo 160 W S-W160S in legno chiaro, che si adatta al look degli altri diffusori. Grazie alla tecnologia brevettata Bose ACOUSTIMASS®, si potrà apprezzare tanto una sinfonia dolce e pacata quanto i dirompenti effetti speciali di un film. Il modulo Bose ACOUSTIMASS® produce le note basse senza alcuna distorsione udibile, rimanendo perfettamente nascosto dietro i mobili. Musica e colonne sonore ricche e piene sembrano provenire dai piccoli diffusori a cubetto piuttosto che dal modulo, nascosto alla vista. Due diffusori a cubetto DIRECT/REFLECTING® trasmettono il calore e l’emozione degli archi e dei fiati; il suono esce ampio e realistico proprio grazie alla tecnologia dei diffusori DIRECT/REFLECTING®. Attraverso una miscela di suoni diretti e riflessi, questa innovativa tecnologia BOSE® riproduce il modo in cui le onde sonore raggiungono l’orecchio dello spettatore durante un’esibizione dal vivo. Scopra il piacere di ascoltare la sua musica preferita perfettamente bilanciata in qualsiasi punto della stanza. Collegando questo sistema di diffusori alle uscite dei canali posteriori dell’impianto Home Cinema, si può ottenere la stessa qualità superiore del suono anche con i film, non soltanto con la musica.

Star look, meglio d’estate o d’inverno?

C’è chi quanto a stile dà il meglio di sé sotto il caldo torrido di agosto, e chi, complice il clima favorevole, si lascia andare eliminando dagli abiti più tessuto possibile, con risultati spesso discutibili.E c’è chi si sente più a proprio agio d’inverno, puntando su uno stile sobrio e chic, mentre alcuni si intabarrano in informi cappelli e collant di lana, aspettando climi migliori.
Qualcuno lo chiama disordine affettivo stagionale (del look): ecco quali celebrità ne sono affette e in che periodo dell’anno.

Anteprima moda uomo AI 2009-2010

Finito il Pitti, nel pieno delle presentazioni Milano Moda Uomo, cerchiamo di intuire come sarà questo uomo autunno-inverno 09/10. Ci avevano prospettato una certa sobrietà, forse anche data dal fatto che in tempi di crisi è il caso di ostentare un minimo di rigore. Invece svariati dettagli rivelano un uomo dal look senz’altro molto elegante e raffinato ma per certi versi anche eccentrico e naif. Probabilmente perché, come ci hanno spiegato, in tempi di recessione l’unica arma vincente è la creatività. Ad ogni modo, questo dandy contemporaneo sembra concedersi qualche stravaganza di troppo, seppur mascherata da un’intenzione che sa di  molto classico.

Ma veniamo a qualche dettaglio che l’anno prossimo non può di certo mancare: papillon, gilet, sciarponi, fasce da smoking, cravatte strette e maglie larghe. Tutti veri e propri must.

Che facciamo? Ci fidiamo di questo nuovo trend o no?