Moda Sessantotto

Le foto d’epoca ci mostrano una giovanissima Brigitte Bardot avvolta in un leggerissimo e ampio abito a fiori, i capelli legati da un bandana. I Beatles, capelli lunghi e camicie a fantasie variopinte, sorridono da una foto accanto a un barbuto guru indiano biancovestito, lunghissime frange ornano le maniche della giacca di Jimi Hendrix che brandisce la sua chitarra nel mitico concerto di Woodstock. I divi del rock e le icone del cinema alla fine degli anni Sessanta dettano le leggi della moda, interpretate secondo il gusto individuale dai giovani che in quegli anni invadono le strade. Sono questi ultimi i veri trendsetter dell’epoca: da allora gli stilisti dovranno ispirarsi allo streetstyle per le loro nuove collezioni.

Dal pannolino al vasino

Prima dei venti mesi i bambini non sono assolutamente in grado di riconoscere lo stimolo che arriva dall’intestino o dalla vescica. È, quindi, del tutto inutile forzarli a utilizzare il vasino. Anzi, nella maggior parte dei casi, l’uso precoce del vasino, non solo non dà i risultati sperati, ma risulta addirittura controproducente. Se, infatti, all’inizio il piccolo potrebbe essere incuriosito da quella che per lui non è altro che una novità come un’altra, alla lunga si rischia di stancarlo portandolo a un netto rifiuto, accresciuto da fatto che un bimbo così piccolo non è assolutamente in grado di comprendere a cosa serva quella strana sediolina sulla quale la mamma si sforza di farlo sedere. Nessun tentativo precoce, quindi, prima dei due anni.

E’ dopo i 24 mesi che ha senso iniziare a fare i primi tentativi per educare il piccolo alla cura della sua igiene personale. Si tratta di un’operazione molto complessa, in alcuni casi persino più lunga ed esasperante che abituarlo a mangiare. Si può sperare di ottenere buoni risultati, che, comunque, prima o dopo, arrivano per tutti, solo quando ci si rende conto che il bambino ha capito che pipì e popò sono prodotti del suo corpo di cui lui è, in qualche modo, responsabile. Fino a quando questi vengono espletati automaticamente, senza che il piccino ne abbia coscienza, è utopico sperare che capisca che non devono essere fatti nel pannolino. In ogni caso, come in tutto ciò che riguarda il neonato, lasciate che sia lui a stabilire i suoi tempi, senza forzarlo, prenderlo in giro o sgridarlo se non esegue alla lettera ciò che voi pretendete da lui.

Come comportarsi

Procedete per gradi, come dicevamo sopra, solo e quando vi accorgerete che il bambino ha compreso il legame tra lui e i suoi bisognini (si guarda, arrossisce, si tocca il pannolino bagnato?). A questo punto, potrete cominciare a far sedere il piccolo sul vasino, senza avere la pretesa che faccia tutto lì dentro, ma abituandolo a utilizzarlo. Rimanetegli vicino, raccontategli una favola, fatelo giocare. Col tempo capirà a cosa serve quella strana sedia. Nel frattempo continuate a usare il pannolino, soprattutto durante la notte e quando uscite. Potrete chiedere al bimbo se gli scappa la pipì e farlo, comunque, sedere la mattina non appena si sveglia, prima della pappa, nel pomeriggio, sempre prima di portarlo a spasso, la sera prima di metterlo a nanna. Comprenderà che ci sono momenti clou in cui usare il vasino. Dopo qualche mese, potrete cominciare a togliere il pannolino per qualche ora nel corso della giornata, aumentando sempre di più il tempo in cui rimane senza. Durante questa fase, potrà capitare al piccolo di sporcare le mutandine. Non sgridatelo: non è ancora completamente padrone dei suoi stimoli.

La scelta del vasino

Dovrà essere comodo, stabile, in materiale atossico, facilmente lavabile e disinfettabile e dalle forme allegre e colorate. Perfetti quelli che rappresentano animali o giocattoli. Diventeranno subito gli amici dei bimbi che saranno lieti di sedervisi sopra.

Il momento migliore

La stagione migliore per cominciare a effettuare il passaggio dal pannolino al vasino è sicuramente l’estate quando il bambino non è ingoffato da abiti pesanti, pantaloni, calzamaglie, body? In spiaggia, potrete lasciarlo senza pannolino abituandolo piano piano a usare il vasino senza correre il rischio di dovergli cambiare strati e strati di vestiti.

E se, anche da grande, continua a bagnare il letto?

È un problema abbastanza diffuso che preoccupa i genitori, ma che spesso non nasconde alcun vero trauma se non un’eccessiva sensibilità del piccino ed emotività. Se, perciò, intorno ai 3/4 anni il piccolo facesse la pipì a letto, ossia se soffrisse di enuresi notturna, non preoccupatevi eccessivamente. Evitate di sgridarlo per non suscitargli inutili sensi di colpa, non prendetelo in giro, soprattutto, davanti a estranei, fate in modo che questa cosa non si trasformi nell’evento familiare. Generalmente il problema tende a risolversi da solo nel giro di qualche settimana. Nel caso in cui, però, dovesse persistere, parlatene con il vostro pediatra.

Condizionatori. Comfort e tecnologia in primo piano.

In attesa che arrivi il grande caldo è bene preparare l’ambiente in cui viviamo perché sia in grado di assicurarci il massimo comfort anche durante la stagione estiva e i disagi che le alte temperature comportano. I condizionatori fissi, split o multi-split, sono composti da un compressore da posizionare all’esterno della casa e da uno o più unità interne per rinfrescare i locali. La maggior parte dei modelli proposti dal mercato sono dotati di tecnologia Inverter, che permette di risparmiare energia e di ridurre considerevolmente il rumore e le vibrazioni con il controllo dinamico della velocità del compressore. Gli apparecchi di ultima generazione, infine, non solo sanno garantire il clima ideale, ma sono provvisti filtri speciali che deodorano l’ambiente, disattivano gli agenti allergenici, ed eliminano i batteri, hanno effetti disinfettanti ed antivirali. Samsung arricchisce la sua gamma di climatizzatori a parete con il modello MB, una sintesi di design, eleganza e stile (ha vinto il Premio Comfort & Design, conferitogli da MCE/Expocomfort 2008), ma allo stesso garantisce il massimo del comfort e del benessere in ogni stagione. I climatizzatori Samsung MB vantano un sofisticato sistema di purificazione dell’aria che si avvale dell’esclusivo dispositivo MPI (Micro Plasma Ion), il primo al mondo che genera atomi di idrogeno attivo e ioni di ossigeno, la cui azione combinata aiuta a purificare l’aria da batteri, virus e radicali liberi, per migliorare la qualità dell’ambiente in cui si respira. I benefici effetti di questo dispositivo sono stati riconosciuti anche dalla British Allergy Foundation che ha apposto il suo sigillo di approvazione per la comprovata azione di riduzione degli allergeni trasportati dall’aria. L’azione purificatrice della tecnologia MPI è ancora più efficace perché abbinata ad un sistema di filtrazione a più livelli. L’ unità interna dispone, infatti, di un filtro trattato con argento, di un filtro deodorante e dell’innovativo filtro DNA la cui struttura è analoga a quella a spirale del DNA degli organismi viventi ed è in grado di contribuire ad assorbire le sostanze tossiche e nocive dall’aria, come il fumo di sigarette. MB, grazie all’esclusiva funzione Good Sleep Mode II, migliora il comfort notturno perché favorisce un riposo ideale e in pieno benessere. Sia che il climatizzatore stia lavorando in modalità raffreddamento che in quella riscaldamento, l’avanzata funzione Good Sleep Mode II, infatti, è in grado di modulare autonomamente la temperatura ambientale riproducendo la curva della temperatura corporea durante il sonno garantendo un riposo sereno e favorendo un risveglio ottimale. Coniugare il comfort abitativo con la massima efficienza energetica rappresenta, da sempre, l’obiettivo perseguito da Vaillant. I nuovi condizionatori climaVAIR, catalogati in doppia classe A di efficienza energetica, sono stati sviluppati proprio per offrire elevate prestazioni in ogni ambiente domestico con il massimo benessere all’utente. Queste nuove soluzioni, caratterizzate da un design molto elegante e dall’utilizzo di soluzioni innovative per tutelare la salute degli utenti, permettono di ampliare ulteriormente l’offerta di prodotti Vaillant destinati al condizionamento degli ambienti. La gamma di condizionatori climaVAIR di Vaillant è costituita dai modelli MonoSplit e MultiSplit, entrambi dotati di pompa di calore a tecnologia Inverter DC". Quesa permette di garantire la massima efficienza con un’elevata silenziosità, grazie all’utilizzo di motori brushless di ultima generazione gestiti da un dispositivo inverter. climaVAIR V7 plus rappresenta il modello di punta della gamma Vaillant. Si tratta, di fatto, di un Inverter DC "puro" dato che tutti i componenti del sistema, come i compressori e i motori di ventilazione, sono alimentati in Corrente Continua (DC). Catalogato in doppia Classe A di efficienza energetica, climaVAIR V7 plus è in grado di soddisfare le necessità dell’utente più esigente, dandogli la possibilità di programmarne il funzionamento attraverso le funzioni sleep e full power. Un innovativo sistema di purificazione dell’aria permette di eliminare virus, batteri, muffe ed acari dall’ambiente. Una lampada a raggi UV-C (inserita su un substrato di diossido di titanio) posizionata all’ingresso dell’unità interna agisce come germicida, depurando l’aria in fase di aspirazione. Grazie all’utilizzo di speciali filtri, è possibile trattenere fino al 98 per cento delle impurità e attuare, così, un’efficace azione antibatterica e antiallergica, oltre a eliminare anche i cattivi odori. Uno ionizzatore (azionabile direttamente con il telecomando) provvede, inoltre, a rinfrescare e rigenerare l’ambiente, con concreti benefici in termini di comfort e benessere per gli utenti. Il display digitale retroilluminato permette di controllare, in modo facile e intuitivo, lo stato di funzionamento, la temperatura impostata e quella dell’ambiente (attraverso una variazione di colore a seconda della funzione scelta). Le alette sono regolabili sia verticalmente che orizzontalmente agendo semplicemente sul telecomando, in modo tale da poter scegliere la quantità e la direzione del flusso d’aria a seconda delle esigenze del momento. Con i nuovi climatizzatori Rex Electrolux in casa si respira un’altra aria. È un’aria fresca e pulita che rende confortevole e salutare ogni ambiente. Ed è un risultato che si raggiunge solo quando tecnologia, design e sensibilità ambientale lavorano insieme per migliorare la qualità della vita. La gamma di climatizzatori Rex Electrolux va ben oltre il semplice concetto di "fresco d’estate". Studiata per creare il clima ideale in ogni ambiente, consente un vero e proprio trattamento dell’aria, non solo raffreddando, ma deumidificando, riscaldando e filtrando. Inoltre, tutti i climatizzatori fissi Rex Electrolux sono dotati di pompa di calore e sono quindi utilissimi per riscaldare nei periodi dell’anno in cui accendere il riscaldamento sarebbe antieconomico. In più, la gamma si arricchisce di un deumidificatore a controllo elettronico, pratico e compatto. I climatizzatori split offrono un’ampia gamma di soluzioni per climatizzare sia "open space" che appartamenti composti da più locali. Sono costituiti da un’unità esterna e da una o più unità interne con potenze in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di climatizzazione e, in alcuni modelli, dotati di tecnologia Inverter, per garantire grande silenziosità e risparmio energetico. Inoltre, lo speciale ionizzatore rigenera l’aria arricchendola di ioni negativi rendendola pura e salutare. Il modello Mono 12 è dotato di un vero sistema integrato per il trattamento dell’aria: dispone infatti del filtro antipolvere, del filtro elettrostatico a carboni attivi (elimina odori come l’ammoniaca e inibisce gas nocivi come la formaldeide, ma blocca anche le piccole particelle di polvere, il fumo e i peli degli animali domestici), del filtro bio (cattura piccolissime particelle presenti nell’aria e rende inattivi batteri, funghi e microbi) e dello ionizzatore. I climatizzatori Panasonic sono dotati dell’esclusivo sistema di purificazione dell’aria e-ion, con Patrol Sensor, progettato per essere attivo 24 ore su 24 e per risolvere il problema dell’inquinamento all’interno degli ambienti domestici, e per garantire un ambiente più salubre neutralizzando il 99 per cento dei batteri, dei virus e delle muffe presenti nell’aria. Quando viene attivato, l’esclusivo sistema di purificazione dell’aria e-ion disperde nell’ambiente 3 trilioni di ioni-elettroni attivi che, grazie alla loro carica negativa, aderiscono alla superficie di muffe, virus e batteri dannosi per la salute, neutralizzandoli. Le particelle che sono state caricate negativamente dagli ioni-elettroni attivi vengono attratte dal MEGA filtro e-ion presente nelle unità interne dei climatizzatori Panasonic. Questo dispone di un’ampia superficie interamente caricata in modo elettrostatico: il MEGA filtro e-ion, grazie alla carica positiva, attira le particelle di impurità caricate negativamente e le trattiene sulla sua superficie. Il suo reticolo ultra fine, poi, è in grado di catturare anche le particelle più minute e microscopiche. Come tutti i prodotti Panasonic, anche i climatizzatori residenziali sono studiati per ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente. Particolare attenzione è rivolta al risparmio energetico, come dimostra l’adozione della tecnologia a inverter, che regola la velocità di funzionamento del compressore in base alle circostanze, ottimizzando la potenza in uscita in base all’effettiva necessità. I climatizzatori Panasonic sono sempre più riciclabili, non contengono sostanze chimiche nocive e utilizzano refrigerante R410A. Il Super Daiseikai rappresenta il vertice della tecnologia Toshiba, con un indice di efficienza energetica nominale (EER) di 5,1. Un campione di risparmio grazie anche alla tecnologia Inverter, che consente di variare automaticamente la velocità del compressore adeguandola alle condizioni di temperatura che devono essere mantenute. Poiché al variare della velocità di rotazione del compressore corrisponde un diverso consumo elettrico, quando il climatizzatore ha portato la temperatura ambiente al valore impostato, per mantenerla nel tempo l’energia richiesta è molto bassa, paragonabile a quella utilizzata da una lampadina. Super Daiseikai è disponibile nelle seguenti taglie, 10, 13 e 16 btu/h (da 2,5 Kw a 4,5 Kw) in versione mono e multisplit. Super Daiseikai è dotato di un avanzato set di componenti appositamente studiati per garantire una qualità dell’aria ottimale, tra i quali l’innovativo sistema di filtrazione agli ioni d’argento, nominato "Silver Plasma", autorigenerante, che cattura le particelle inquinanti ed elimina i cattivi odori ed i batteri. L’unità è inoltre dotata di un dispositivo autopulente ed igienizzante a bassa densità di ozono, in grado di asciugare la superficie della batteria impedendo la formazione di muffe. Toshiba ha accoppiato la sua esclusiva tecnologia Inverter con l’unicità del suo compressore DC Twin Rotary, che grazie alle doppie pale rotanti in contro fase, assicura un funzionamento perfetto ed una totale mancanza di vibrazioni sia alle velocità alte sia a quelle basse. Questo comporta una silenziosità eccezionale, tale da rendere impercettibile il funzionamento del climatizzatore, soprattutto durante le ore notturne. I climatizzatori vortice sono progettati secondo le più avanzate tecnologie per creare il clima ideale al benessere in tutte le stagioni., grazie alle tre funzioni di raffreddamento, riscaldamento e deumidificazione. I nuovi Climaticum combinati Inverter Quadri di Vortice climatizzano hanno un’unità esterna con potenza fino a 27.810 Btu/h abbinabile a 4 unità interne. Sono dotati di tecnologia DC Inverter ed utilizzano il Gas refrigerante R410 A, che garantisce, oltre al raffreddamento ecologico, una superiore efficienza con minor dispendio energetico.la modalità Dry alterna automaticamente un ciclo di raffreddamento ad un ciclo di ventilazione,deumidificazione senza variare la temperatura. Anche l’aletta di uscita dell’aria oscilla automaticamente direzionando il flusso alternativamente dall’alto verso il basso e viceversa. Agendo sui deflettori è poi possibile anche indirizzare l’aria climatizzata orizzontlemnte. Il timer elettronico attiva o disattiva automaticamente le funzioni all’ora desiderata (intervallo massimo di 24 ore) con risparmio di energia e i due filtri antipolvere sono lavabili ed eliminano dall’aria le polveri e le impurità. Le unità interne sono dotate di un filtro elettrostatico ai carboni attivi contro i cattivi odori.

Accanto al titolo: Un innovativo sensore di movimento rileva la presenza di persone nel locale, orienta il flusso d’aria per massimizzare il comfort e regola la modalità risparmio energetico. L’ultima novità a parete della gamma residenziale Daikin dispone anche di un telecomando a infrarossi dotato di timer per la programmazione settimanale.

La qualità del riposo. In tutte le stagioni.

Per combattere lo stress a cui il lifestyle odierno ci sottopone è indispensabile che le ore, spesso troppo poche, di sonno notturno, siano davvero in grado di rigenerare il corpo e la mente. Che il riposo sia di qualità dipende da molti fattori, ma è innanzitutto assicurato da un buon materasso, scelto in base alla corporatura di chi lo utilizza e alla tipologia di letto a cui viene abbinato. Lo si può acquistare in poliuterano (anallergico, isolate, indeformabile), in lattice (traspirante, anallergico, a portanza differenziata), a molle (particolarmente traspirante) o in lana (caldo e morbido ma inadatto ai soggetti allergici), ma è importante che offra un buon sostegno alla colonna vertebrale. In questo periodo, poi, in cui si avvicinano la stagione estiva e i primi caldi, che aumentano le reazioni allergiche a pollini e polveri, per assicurarsi un sonno tranquillo, alcuni accorgimenti diventano necessari.
Ce li suggerisce il Consorzio Produttori Materassi di Qualità (www.consorziomaterassi.it). Il tradizionale materasso in lana per esempio, nonostante sia caldo e morbido, oltre a deformarsi velocemente e a perdere elasticità necessaria, è facilmente colonizzabile dagli acari, fonti primarie di malattie allergiche respiratorie e cutanee. Per questo motivo, le persone che soffrono di allergie dovrebbero optare per materassi e cuscini completamente in lattice o in schiuma di poliuretano senza imbottitura, rivestiti con fodera sfoderabile da lavare frequentemente. Non bisogna poi dimenticare che tutti i materassi possono essere anallergici se realizzati con particolari materiali e con fodere idonee. È quindi indispensabile per goderci il meritato riposo e proteggere chi è più sensibile essere certi che i materassi che utilizziamo siano realizzati con processi di produzione certificati. Il nuovo "sistema per dormire"di alta qualità Morfeus FluxAir® rappresenta la perfetta sintesi di ciò che ha reso famoso il "Made in Italy" nel mondo: ricerca, fantasia, creatività, innovazione, qualità dei materiali, lavorazioni di pregio, cura artigianale del particolare. FluxAir® è il nuovo concetto di sistema per dormire, un vero e proprio prodotto che lavora in perfetta sintonia con il corpo per il massimo comfort e benessere, garantendo il microclima più corretto ed assolutamente igienico. Per la progettazione di FluxAir®, Morfeus si è avvalsa della collaborazione dello studio Pininfarina, che ha travasato nel progetto la conoscenza dei nuovi materiali e le competenze tecnologiche dei suoi progettisti. Partendo da studi sull’ergonomia del corpo a riposo si è giunti a FluxAir®, un vero e proprio innovativo "sistema per dormire" contrassegnato da un design di grande efficienza ed efficacia: non solo studio di forme, ma perfetta definizione della pura forma dell’utile. Non si deve coprire con lenzuola e coperte fatta eccezione della parte a contatto con il corpo. FluxAir® Morfeus design Pininfarina è il capostipite del nuovo "sistema per dormire" di alta qualità "Made in Italy". Qualcosa di Xtra-ordinario ha cambiato il mondo del buon riposo. Dalla ricerca Ennerev nasce il primo materasso realmente tecnologico e innovativo: un progetto italiano al cento per cento nel quale l’azienda ha messo in campo tutte le sue risorse di know-how e la pluriennale esperienza nell’ambito ad essa più familiare: il riposo di qualità.Performance all’avanguardia sul fronte dell’ergonomia, del comfort, dell’usabilità, della riciclabilità. Un concentrato di natura e tecnologia, senza eguali nella storia del buon riposo, inserito in un percorso di evoluzione e di crescita al passo con le nuove scoperte nell’ambito dell’ingegneria e della tecnica. Caratterizzato dal molleggio a movimento indipendente in materiale termoplastico – molla White, più cedevole, molla Grey, più energica, e la combinazione di entrambe le tipologie nella struttura a portanza bilanciata a 7 zone- dalla totale assenza di parti metalliche e collanti, dalla struttura personalizzabile sia per zone di portanza che per rivestimenti, Xtra-ordinario quest’anno è proposto in due modelli: Basic, 110 molle per metro quadro, e Vip, 210 molle per metro quadro. Gli elementi innovativi si trovano oltre che nel molleggio, nel rivestimento esterno, disponibile in 4 versioni di tessuto e imbottitura: Ingeo? , prima fibra tutta prodotta da risorse annualmente rinnovabili; Xtrafill, realizzata in Cachemire, Lyocell, e speciali tecnofibre high resiliance con proprietà termoregolatrici e traspiranti; Nanosilverfill, imbottitura antibatterica, antimicrobica e antiodore grazie al rilascio di ioni d’argento, rivestita in tessuto Shenergy® che immagazzina ioni di carica negativa, e 4DG? fiber, tecnofibra di quarta generazione anallergica e traspirante, rivestita in tessuto Nanotex®, waterproof. Dorelan ha creato un nuovo concetto di riposo, personalizzato, capace di soddisfare completamente la voglia di una vita attiva che ha origine da un sonno profondo, sano ed equilibrato. È la linea in Myform HD, non soltanto la novità assoluta dei materassi, ma un emblema, uno stile di vita, un modello di consumo rivolto e dedicato a chi ama circondarsi degli oggetti migliori. Il Myform HD, progettato e realizzato con la collaborazione di numerosi professionisti tra fisiatri, ergonomi e allergologi è stato testato direttamente sui consumatori dall’Università di Bologna con il risultato certificato che il Myform HD aumenta l’efficienza del riposo, riduce i tempi di addormentamento e di movimenti durante la notte. Un riposo di alta qualità garantito anche dalla certificazione Oeko-Tex Classe 1 che ne assicura l’assoluta non tossicità giudicando il Myform HD adatto ad essere utilizzato a contatto con i bambini di età inferiore ai 2 anni. Alla linea appartiene il modello Origin, il primo materasso certificato ergonomico che seguendo le linee del corpo si adatta perfettamente, garantendo un sostegno perfetto e ottimale. Origin consente di mantenere sempre la giusta posizione per tutta la notte e per questo le tensioni muscolari si allentano, le articolazioni si rilassano, favorendo il flusso sanguigno: il comfort è ineguagliabile e dormire diventa un’esperienza gradevolissima che si rinnova ogni notte. La lastra di Origin ha il lato invernale in Myform HD, sensibile al calore, che si plasma sulla figura; il lato estivo, in Myform Air, con la sua struttura a cellula aperta eccezionalmente traspirante mantiene ventilato il materasso disperdendone l’umidità. Al centro c’è il Myform Extension che sostiene adeguatamente il peso del corpo. Pirelli Bedding lancia la linea Amico, una nuova famiglia di prodotti che raggruppa diversi modelli di materassi in cento per cento lattice ed è espressione della massima praticità e semplicità d’uso, con un eccellente rapporto qualità/prezzo pensata per portare un salutare benessere nel riposo per tutti i componenti della famiglia, dai bambini agli adulti. I materassi della linea Amico, proposti in diversi spessori e portanze, sono ideali anche per l’utilizzo in seconde case o per l’inserimento nei divani letto, dove è necessario uno spessore ridotto, pur assicurando un comfort ineguagliabile. Amico Trendy, Amico Classic e Amico Junior rispondono ai più alti standard qualitativi di resilienza (risposta elastica), ergonomia e traspirabilità, caratteristiche peculiari del Lattice Alta Qualità (LAQ) di cui sono composti. Ad un perfetto comfort, assicurato dal blocco bialveolato Dualcomfort con 5 zone a portanza differenziata, i materassi della collezione Amico associano completa anallergicità, garantita dalla composizione dei materiali di rivestimento esterno, e massima igiene, grazie alla sfoderabilità e alla possibilità di lavaggio della fodera. Amico Trendy, adatto a chi cerca un materasso di sicure prestazioni, è disponibile nella versione Climatizzata, con imbottiture della fodera nel lato estivo in Cottonlux e nel lato invernale in Woolux, e nella versione Anallergica con imbottiture della fodera estiva/invernale, in morbida falda di fibra cava anallergica. Entrambe le versioni dispongono di sottofodera in misto cotone e poliestere e di fodera, a due gusci separabili in tessuto stretch di poliestere, lavabile a 40°. Alto 17 cm circa, Amico Trendy è disponibile nella portanza media e rigida. Aquapure Soya è il nome della schiuma realizzata con estratti di semi di soia in alternativa ai polimeri di origine fossile, oltre all’acqua e all’aria. La scelta di questo composto di origine vegetale, ricavato da fonti rinnovabili presenti in natura e non contaminanti, è la soluzione, proposta da Imaflex, amica dell’ambiente e della natura a garanzia, sia di uno sviluppo sostenibile, sia delle esigenze di benessere fisico e mentale necessarie per recuperare energie. Grazie alla struttura "naturale" a reticolo si adatta perfettamente alla forma sinusoidale della colonna vertebrale e quindi alle varie convessità e concavità del corpo, raccogliendone spinte, pesi e movimenti. Aquapure® Soya è costituito da minuscole celle aperte e piene d’aria, in comunicazione le une con le altre in tutte le direzioni: alla pressione esercitata dal peso del dormiente esse si adattano sia nei settori superficiali che in quelli più profondi, impedendo il formarsi di uno strato superficiale compatto, senza circolazione d’aria e quindi insalubre. In questo modo viene assicurato un microclima equilibrato: l’umidità in eccesso viene trasferita progressivamente e naturalmente all’esterno e il calore non viene accumulato, assicurando uno scambio termico ideale e il benessere. Per le sue proprietà originarie Aquapure® Soya non crea allergie all’utilizzatore ed è un microambiente inadatto agli acari. Per la sua stessa composizione il materiale è atossico: non emette sostanze volatili dannose. Aquapure® Soya è inoltre difficilmente attaccabile da batteri e muffe, non attira né genera polvere, resiste totalmente a insetti e parassiti, è lavabile e sterilizzabile. Bitech® è un materasso in cento per cento schiuma di lattice con una struttura brevettata, esclusiva Simmons, composta da due mescole differenti progettate per creare una superficie di accoglimento differenziato. La sua struttura è a 7 zone multiformi, con i due lati a diversa portanza e con inserti omerali. La sua particolare struttura è stata studiata per cercare di limitare i rischi di occlusione capillare, soprattutto nei soggetti a ridotta mobilità e, quindi, svolgere un’efficace azione antidecubito. Bitech® è disponibile nella versione climatizzata, con imbottiture in puro cotone per il lato estivo e in pura lana vergine per il lato invernale. Il rivestimento, lavabile a secco, ha una trapuntatura differenziata a zone con una fascia perimetrale integrata con uno speciale tessuto volumetrico che consente una maggior areazione del materasso. Nella versione anallergica le imbottiture sono in fibra Microfill-Silver®, una fibra tecnologica esclusiva Simmons composta da fiocco multicavo ad alta resistenza, a costante azione termoregolante e microfibra soft-touch contenente zeoliti a rilascio di ioni d’argento che proteggono dall’assorbimento di energia statica, svolgendo un’efficace azione antibatterica naturale permanente. Il tessuto di rivestimento è sfoderabile e lavabile ad acqua, a bassa temperatura. Il materasso Bitech® è alto circa 21 cm ed è disponibile a portanza media in tutte le misure.

Accanto al titolo: Il letto tessile Verdana di Ennerev, con rivestimento in pelle fiore e testata capitonné, caratterizzato da una testata bassa e dal giroletto spezzato.

Valeria Marini, super sexy in scooter

Della serie donne e motori: la showgirl più burrosa d’Italia accompagna la rinascita dello storico scooter. La diva nostrana è stata scelta per lanciare dopo trent’anni un’icona dei motori.

Nello spot "Lambretta Mon Amour", ambientato in una Roma da "Vacanze Romane", diretto da Simona Izzo e Ricky Tognazzi, si celebra il ritorno della famosa motoretta, ormai non più prodotta in Italia. La Lambretta, fuori commercio dal 1971, al tempo in cui la famiglia Innocenti aveva ceduto il marchio, torna in vendita grazie a Motom Italia. Nel primo anno, Motom ha fatturato 5 milioni di euro, quest’anno conta di arrivare a 15 milioni vendendo 10 mila Lambrette e l’anno prossimo a 20 milioni. 

Valeria, legata sentimentalmente a Giovanni Cottone che controlla l’80% di Motom Italia, presenta Lambretta Pato, già disponibile sul mercato nelle cilindrate 125 e 151, ma presto anche nella versione 50 cc.

Lo scooter esce anche nella verione limitata "Diamonds", con cento esemplari, tutti tempestati di luccicanti "diamanti", che sarà venduta anche on line, e il 30% del ricavato andrà a sostegno dell’Amri, associazione che lotta contro le malattie reumatiche infantili.

Tu vuoi più bene a lui

Non è vero che per una mamma i figli sono tutti uguali. Capita, invece, che uno riceva più coccole, carezze, premure degli altri, o che con uno la mamma preferisca chiacchierare la sera fino a tardi, coprendolo di un’attenzione particolare non prevista per gli altri.
Non è una questione di affetto: il bene per i propri figli è uguale e incommensurabile sempre. È una questione di sintonia: forse per un’affinità di carattere, forse perché incarnazione del figlio sempre sognato oppure per il ruolo di "piccolo di casa", a ogni modo, non tutti i bambini appaiono nello stesso modo ai genitori, nonostante questi tentino in tutti i modi di nascondere le loro "preferenze", se vogliamo chiamarle così.

Nulla di più sbagliato, spiegano gli psicologi: innanzitutto, perché non è possibile fingere con se stessi; in secondo luogo perché i bimbi non sono stupidi e si rendono conto quando la mamma o il papà trattano in modo diverso i fratelli rispetto a loro; infine, perché si rischia così di quantificare l’amore quasi si trattasse di un sacchetto di patate da pesare, cercando di dare a tutti i figli la medesima attenzione e il medesimo appoggio. I bambini, invece, vanno capiti e amati per ciò che sono, per il loro personalissimo modo di essere e per il loro carattere peculiare: ciò significa che non può esistere un unico "affetto" uguale per tutti, ma che ciascuno deve essere apprezzato indipendentemente dagli altri.

Il consiglio, quindi, è quello di mettere da parte i propri, inevitabili, sensi di colpa, cercando di capire dentro se stessi quali sono i motivi che spingono a comportarsi in un modo diverso con uno o con l’altro figlio. Talvolta, si tratta di motivazioni banali che si esauriscono col tempo: il bambino "più amato" è quello più gracile, oppure quello che dà meno problemi o che ne dà di più, quello per cui sembra di non aver fatto abbastanza o quello più grande perché il primo… Insomma, spesso si tratta di una "preferenza" relativa che con la crescita dei piccoli verrà meno senza lasciare traccia.

In questi casi, se il bambino si accorge della differenza di comportamento riservata al fratello, la cosa migliore non è negare ("per me siete tutti uguali"), ma cercare di spiegargli quali sono i motivi della supposta "elezione affettiva", puntando l’accento, però, si tutto quello di positivo che c’è in lui e che i genitori, comunque, apprezzano e amano.

Se, invece, ci si rende conto che la "preferenza" è dovuta a una sintonia caratteriale, non serve a nulla tentare di negare questa propensione. Il consiglio, invece, è di cercare di scoprire ciò che ci lega all’altro figlio, quello che si sente escluso dalla nostra vita e dal nostro affetto: come dicevamo sopra, infatti, i bambini hanno sempre bisogno di cure diverse, che cambiano a seconda dell’età e del carattere.
È impensabile l’idea che esista un solo modo di dimostrare affetto, ciò che occorre fare è vivere fino in fondo le differenze mettendone in risalto gli aspetti positivi.
In questo modo, si evitano scenate di gelosie inutili tra fratelli e non si crea nel bambino che si sente escluso il "complesso dell’Incompreso", riuscendo al contrario a instaurare in casa un’atmosfera di armonia e complicità in cui ciascuno si sente apprezzato per ciò che è e non per ciò che potrebbe essere.